Questo sito usa qualche cookie per sapere quanto è apprezzato e migliorare il servizio. Ecco la nostra cookie policy, che accetti proseguendo la navigazione.
Curioso di sapere cosa siano questi famigerati cookie? Ecco la nostra guida!


Manleva

Manleva (o malleva) è una di quelle parole dal significato un po’ oscuro, che talvolta mi si ficcano nella testa e continuano a evocare immagini singolari. Ma cos’è una manleva? Viene in mente una leva a mano usata per scardinare qualcosa in malomodo… Verrebbe da dire, quando ci si sbarazza di una persona con una certa fatica, notevole efficacia e successivo sollievo:  “me lo sono manlevato dalle balle”!

» Scopri il significato di ‘Manleva’...

Indefesso

Indefesso è il fumatore che fuma con convinzione
Indefesso è lo schiavo che difende il padrone

» Scopri il significato di ‘Indefesso’...

Ognuno e Ogniuno

Ognuno si chiede se scrivere “ogniuno”

» Scopri il significato di ‘Ognuno e Ogniuno’...

Defezione e Deiezione

Se abbandoni la cara bestiola
Perchè la vacanza ti ostacola

Sappi nella tua triste defezione
Sei più lercio d’ogni sua deiezione

~Il Parolaio 2010, endecasillabo dedicato ai criminali che abbandonano gli animali

» Scopri il significato di ‘Defezione e Deiezione’...

Reminiscenza

Ciò che porto in spalla
oggi il computer, ieri la chitarra
crepuscolare reminiscenza
sorge nella coscienza.

» Scopri il significato di ‘Reminiscenza’...

La regola della I

Scienza e coscienza, cielo e cieco: solo questi con la “I”!

La mia maestra di italiano delle elementari mi ha ripetuto questa specie di nenia così tante volte che ormai mi è impossibile dimenticarla…

Impara l'HTML e a farti trovare su Google dal creatore di Parolaio.it:
Scopri il corso gratuito e il corso con docente!

Il punto è che in italiano non esiste una regola grammaticale che definisca, aldilà di ogni ragionevole dubbio, quando si debba scrivere la i in parole che si leggerebbero allo stesso modo sia con che senza…
…la cosa migliore, in questi casi, è consultare il Parolaio!

(o magari un dizionario serio)

Tuttavia qualche linea guida esiste, soprattutto per quanto riguarda le parole al plurale. Per esempio una regola grammaticale introdotta molto recentemente stabilisce che il plurale di parole che terminano in -cia e -gia sia generalmente -ce e -ge, a meno che l’accento non cada proprio su quella, stamaledettissma “i”. Quindi se la parola finisce in -cìa e -gìa il plurale si forma con -cìe e -gìe anche se l’accento non è indicato chiaramente ma solo sottointeso (e, soprattutto, pronunciato).

Vedasi, ad esempio, la nota sul plurale di provincia.

Civettuolo, Civetteria, Civetta

Anvedi quant’è figo quel tipo!!!

» Scopri il significato di ‘Civettuolo, Civetteria, Civetta’...

Voluttà

Certi amici quando li rivedi sanno farti provare un tal senso di voluttà nei loro confronti che…
…quasi pensi di esser diventato gay.

» Scopri il significato di ‘Voluttà’...

Volubile

La donna è mobile
Qual piuma al vento…
…ma l’uomo sa fare
perfin di peggio!

Rigoletto di Giuseppe Verdi, ultimo atto.

» Scopri il significato di ‘Volubile’...

Nome Duccio

- Mi chiamo Duccio Armenise

- Ah, come il pittore fiorentino? Duccio di Buoninsegna?
- No, come Duccio Armenise.

» Scopri il significato di ‘Nome Duccio’...




A cura di NemboWeb Design