Questo sito usa qualche cookie per sapere quanto è apprezzato e migliorare il servizio. Ecco la nostra cookie policy, che accetti proseguendo la navigazione.
Curioso di sapere cosa siano questi famigerati cookie? Ecco la nostra guida!


Qui pro quo

Ricordo una mia amica che mi chiamava “Ciuccio”.
Molto divertente quando si era, che so, in un centro commerciale e lei cominciava a urlare “Ciuccioooooo!!!” tutti gli uomini si giravano e io, serafico, commentavo: “tranquilli, è per me”.

Quello che mi da noia invece e la gente che non ci sente… come ti chiami?!? Lucio? Nuccio?

…Duccio!


Impara l'HTML e a farti trovare su Google dal creatore di Parolaio.it:
Scopri il corso gratuito e il corso con docente!

Qui pro quo è una locuzione latina che nel periodo medievale veniva usata per segnalare un semplice errore di copiatura: lo scambio di lettera.

L’espressione stessa fornisce un chiaro esempio di questo tipo di errori: qui pro quo significa, letteralmente, qui al posto di quo.

Nell’italiano colloquiale e letterario, l’espressione “qui pro quo” è ancora molto usata nel significato più esteso di “equivoco”, “scambio di persona o cosa”.

La traduzione in inglese di “equivoco” è “misunderstanding” dalla contrazione dei verbi “to miss” (mancare) e “to understand” (capire).

Lo sapevi già?
Si (10) Circa (0) No (8)

1 Response to “Qui pro quo”


Comments are currently closed.



A cura di NemboWeb Design