Questo sito usa qualche cookie per sapere quanto è apprezzato e migliorare il servizio. Ecco la nostra cookie policy, che accetti proseguendo la navigazione.
Curioso di sapere cosa siano questi famigerati cookie? Ecco la nostra guida!


Cui prodest?

Il numero di testimonianze, di pentiti, di indizi che, regolarmente, indicano nella politica e nell’imprenditoria l’origine dei delitti di Capaci e di via D’Amelio potrebbero riempire intere enciclopedie. Cui prodest? Alla mafia non sembra. Da Riina, a Brusca, ai fratelli Graviano il delitto Borsellino è costato il carcere a vita.

Tratto da BeppeGrillo.it


Impara l'HTML e a farti trovare su Google dal creatore di Parolaio.it:
Scopri il corso gratuito e il corso con docente!

La locuzione latina cui prodest? significa letteralmete “a chi giova?” e deriva dalle parole pronunciate da Medea (figura della mitologia greca) nell’omonima tragedia di Seneca.

Ai versi 500-501 ella afferma: “cui prodest scelus, is fecit”, cioè “colui al quale il crimine porta vantaggi, egli l’ha compiuto”.

Il concetto espresso da Medea è alla base di ogni ricerca investigativa: la scoperta di un possibile movente favorisce anche la scoperta del colpevole, o comunque limita il numero dei sospettati.

Lo sapevi già?
Si (12) Circa (5) No (31)



A cura di NemboWeb Design