Questo sito usa qualche cookie per sapere quanto è apprezzato e migliorare il servizio. Ecco la nostra cookie policy, che accetti proseguendo la navigazione.
Curioso di sapere cosa siano questi famigerati cookie? Ecco la nostra guida!


La regola della I

Scienza e coscienza, cielo e cieco: solo questi con la “I”!

La mia maestra di italiano delle elementari mi ha ripetuto questa specie di nenia così tante volte che ormai mi è impossibile dimenticarla…

Impara l'HTML e a farti trovare su Google dal creatore di Parolaio.it:
Scopri il corso gratuito e il corso con docente!

Il punto è che in italiano non esiste una regola grammaticale che definisca, aldilà di ogni ragionevole dubbio, quando si debba scrivere la i in parole che si leggerebbero allo stesso modo sia con che senza…
…la cosa migliore, in questi casi, è consultare il Parolaio!

(o magari un dizionario serio)

Tuttavia qualche linea guida esiste, soprattutto per quanto riguarda le parole al plurale. Per esempio una regola grammaticale introdotta molto recentemente stabilisce che il plurale di parole che terminano in -cia e -gia sia generalmente -ce e -ge, a meno che l’accento non cada proprio su quella, stamaledettissma “i”. Quindi se la parola finisce in -cìa e -gìa il plurale si forma con -cìe e -gìe anche se l’accento non è indicato chiaramente ma solo sottointeso (e, soprattutto, pronunciato).

Vedasi, ad esempio, la nota sul plurale di provincia.

Lo sapevi già?
Si (62) Circa (33) No (102)

4 Responses to “La regola della I”


Comments are currently closed.



A cura di NemboWeb Design