Questo sito usa qualche cookie per sapere quanto è apprezzato e migliorare il servizio. Ecco la nostra cookie policy, che accetti proseguendo la navigazione.
Curioso di sapere cosa siano questi famigerati cookie? Ecco la nostra guida!


Sineddoche

Quando nel riferirmi a una bella donna pronuncio quella parola che comincia per “f…” e finisce per “…iga” non sono assolutamente volgare: bensì sto adottando una raffinatissima figura retorica nota come sineddoche.


Sineddoche [si-néd-do-che] è un sostantivo femminie e una figura retorica che consiste nell’uso figurato di un termine attribuendogli un significato più o meno esteso. La sostituzione del significato della parola in questione può riguardare:

  • la parte per il tutto (“la due ruote” al posto di “la moto”, “i cervelli” per “gli intellettuali”);
  • il tutto per la parte (“la famiglia” per “il nucleo famigliare”)
  • il materiale per l’oggetto (“ferri” al posto di “armi da fuoco” o “strumenti”)
  • il genere per la specie e viceversa (“il felino” per “il gatto”, “i mortali” per “gli esseri umani”)
  • il singolare per il plurale e viceversa (“aveva la palpebra calante” per “aveva le palpebre calanti”)

Attenzione: La sineddoche si distingue dalla metonimia perchè si basa su relazioni di tipo strettamente quantitativo.

Etimologia: sineddoche deriva dal greco συνεκδοχή «ricevere insieme».

La traduzione in inglese di sineddoche è: synecdoche.

Altri esempi?

Sineddoche [si-néd-do-che] è un sostantivo femminie e una figura retorica che consiste nell’uso figurato di un termine attribuendogli un significato più o meno esteso
Lo sapevi già?
Si (122) Circa (47) No (64)

0 Responses to “Sineddoche”


Comments are currently closed.



A cura di NemboWeb Design